Progettazione europea, formazione, sviluppo locale e consulenza alle imprese.

Fondi FESR: programma nuovo per “Cultura e Sviluppo”

Fondi FESR:  programma nuovo per “Cultura e Sviluppo”

Il 13 febbraio la Commissione europea ha approvato il Programma Operativo Nazionale “Cultura e Sviluppo” che, per il periodo 2014 – 2020, mette in campo poco più di 490 milioni di euro a sostegno del settore culturale nel Sud Italia. Il PON Cultura è destinato infatti a 5 regioni meridionali – Basilicata, Calabria, CampaniaPuglia e Sicilia – con l’obiettivo di superare le condizioni di sottoutilizzo delle risorse culturali nelle regioni meno sviluppate, aumentando l’attrattività del patrimonio culturale di questi territori, creando flussi più consistenti di domanda turistica e di fruizione culturale di qualità e favorendo il consolidamento della filiera delle imprese culturali e creative.

Tre sono i pilastri portanti la strategia del PON:

Il primo pilastro punta a valorizzare gli attrattori culturali (aree archeologiche, beni del patrimonio storico-architettonico ed artistico, musei, ecc. ) delle regioni interessate assicurandone tutela, conservazione e gestione efficiente;

Il secondo pilastro è rivolto a favorire l’incremento di attività economiche connesse alle dotazioni culturali per la costruzione e la sperimentazione di una politica di sostegno alla competitività delle imprese del settore, inclusi i profili dell’economia e dell’impresa sociale, in grado di concorrere ad incrementare l’attrattività delle aree di riferimento degli attrattori culturali. La finalità è di consolidare il sistema delle imprese del privato sociale operanti nell’ambito culturale, per rafforzarne il carattere imprenditoriale e favorirne l’integrazione con il complesso delle attività e dei servizi a supporto della fruizione e della valorizzazione culturale nei territori di riferimento;

Il terzo pilastro sostiene complessivamente la gestione del programma e il miglioramento delle capacità operative dei soggetti impegnati nell’attuazione del PON, perseguendo obiettivi di efficienza nei diversi ambiti interessati (amministrativo-procedurale, organizzativo, tecnico), favorendo altresì l’implementazione del piano di rafforzamento amministrativo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>